EN
IT

Agenda

GENNAIO 2020

Barrique, come e perché

Sensibilità ed esperienza sono le parole d'ordine quando la barrique entra in cantina, perché questo "contenitore" può elevare, valorizzare, ma anche cancellare, l'anima del vino. La nostra cantina ospita 46 barrique, la più anziana consegnata nel 2007.

Ogni anno, una barrique su otto è acquistata nuova dal nostro fornitore francese, col quale abbiamo instaurato una collaborazione ormai ventennale che ci consente di ricevere barrique perfette, create con legni affinati a lungo prima di essere trasformati in pregiati fusti di rovere. Destiniamo le barrique alla fermentazione alcolica (mai malolattica!) dei mosti fiore di Chardonnay che l'anno seguente entreranno nelle cuvée dei nostri Franciacorta, eccetto nel Rosé Radijan. Il legno nuovo è di norma riservato alle prime spremiture, ma ciò non è scontato: a ogni vendemmia, l'enologo decide quali basi possono incontrare la barrique nuova, e talvolta sono proprio le seconde spremiture ad avere questo privilegio.

Terminata la fermentazione, continuiamo a "coccolare" le nostre basi Franciacorta con bâtonnage settimanali, che, rimettendo in circolo i sedimenti nobili, donano spessore gustativo agli Chardonnay. A marzo mettiamo a riposo i fusti, in attesa della nuova vendemmia.  

« TORNA A Agenda